Laparoscopia e anestesia parziale: si può fare!

Una delle maggiori paure di un paziente nell’affrontare un intervento chirurgico è quella di essere sottoposto ad anestesia. Si tratta di una paura del tutto infondata, soprattutto nei pazienti sani, che non abbiano malattie cardiologiche o polmonari importanti. Durante l’anestesia, infatti, il paziente viene collegato ad una macchina che lo fa respirare ed allo stesso tempo l’anestesista controlla, ed eventualmente corregge i suoi valori. Questa è l’anestesia generale.

Esiste poi una anestesia che viene effettuata iniettando nella colonna vertebrale un anestetico locale che blocca la sensibilità di quelle parti del corpo , situate al di sotto del livello dell’iniezione; generalmente viene impiegata per i parti, per la prostata o, comunque, per interventi al di sotto dell’ombelico.

In alcuni centri, come quello in cui lavoro, è stata sviluppata l’anestesia spinale/epidurale per gli interventi in laparoscopica. Si tratta di un grande vantaggio per il paziente, soprattutto se anziano o con patologie associate, che rimane sveglio, in grado di parlare, comprendere e rispondere alle domande. Qualora la situazione lo innervosisse, l’anestesista è in grado di somministrargli dei tranquillanti che lo portano in uno stato di dormiveglia.

In pratica i pazienti sottoposti a questo tipo di anestesia non si addormentano ma, soprattutto non si devono risvegliare, che è la fase più faticosa per l’organismo.

Questa anestesia per lungo tempo è stata limitata ma attualmente alcuni anestesisti si sono dedicati a sviluppare questa tecnica, a partire dagli studi dell’Università di Tampa (Florida).

D’altronde è mia esperienza personale quella di operare pazienti ad alto rischio in aree geografiche senza terapia intensiva o addirittura con un’assistenza postoperatoria minima, come avviene nelle regioni più povere dell’Africa.

Grandi interventi in laparoscopia, in malati molto critici, riducendo i rischi, possibili solo con l’anestesia spinale/epidurale

A breve pubblicherò un filmato di un paziente sottoposto ad intervento chirurgico che racconta le proprie impressioni.

5 commenti su “Laparoscopia e anestesia parziale: si può fare!”

  1. Ciao devi fare una laparoscopia per ciste endometriosi posso richiedere di fare anestesia locale ? Ho fobia della anestesia totale .. e poi a dicembre ho avuto una brutta bronchite asmatica .. ho 29 anni grazie

    1. Buongiorno dottore. I suoi tempi invece per fare una laparoscopia da lei come sono? Che costi hanno se ci sono? Grazie

  2. Buongiorno dottore,
    devo asportare una brutta cisti all’ovaio sx e probabilmente anche l’intero ovaio, ormai atrofizzato in quanto ho 57 anni e sono in post menopausa.
    Il ginecologo mi ha proposto l’intervento in laparoscopia solo che qui in zona lo eseguono solo in anestesia generale; anestesia generale che vorrei assolutamente evitare, in quanto in un precedente intervento questo tipo di anestesia mi ha provocato conseguenze pesanti ed importanti che è stato molto difficile superare.
    Sto cercando un centro dove possano intervenire in laparoscopia con anestesia spinale invece che generale e sono assolutamente disposta ad uscire anche dalla citta in cui risiedo che è Pordenone e dalla regione Friuli Venezia Giulia.
    Grazie

    1. Buongiorno,
      purtroppo non posso aiutarla perchè non conosco altri gruppi che usino l’anestesia epidurale. Ma Roma non è irraggiungibile e la degenza è estremamente breve, quindi ci pensi se raggiungermi
      cordialmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri WhatsApp
1
Scrivimi su WhatsApp per una consulenza rapida!